Ricorso Docenti “Decreto Scuola”

Gentile Docente,

con la recente sentenza n. 4167 del 30.6.2020, il Consiglio di Stato ha, tra l’altro, ricordato che l’attività didattica svolta per un periodo di almeno 36 mesi – o 180 giorni per almeno tre anni scolastici – è considerata titolo equiparabile alla abilitazione, secondo i principi enunciati nella sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea del 26 novembre 2014, nelle cause riunite C‑22/13, da C‑61/13 a C‑63/13 e C‑418/13 (cd. sentenza Mascolo).

Ciò apre le porte al ricorso amministrativo a tutti i docenti, anche di sostegno, che abbiamo maturato detta anzianità di servizio, sia in istituto Statale che Paritario, per richiedere l’inserimento nelle graduatorie provinciali di prima fascia, riservate, invece, ai docenti in possesso di abilitazione. A seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge 6 giugno 2020 n. 41, di conversione del Decreto-Legge 8 aprile 2020 n. 22 (noto come Decreto Scuola), è ormai confermata, come è noto, la provincializzazione delle (ormai ex) Graduatorie d’Istituto.

               Entro il corrente mese di luglio 2020, il Ministero pubblicherà apposita ordinanza con la quale si darà luogo alla riapertura delle nuove Graduatorie Provinciali ai fini dei nuovi inserimenti.

A tale scopo, lo Studio Giuliano e Di Gravio, nella persona dell’Avv. Massimo Giuliano, sta provvedendo a raccogliere i dati e le procure alle liti al fine di predisporre, nei termini di legge, non appena sarà pubblicato il decreto ministeriale, un ricorso collettivo per richiedere, previo riconoscimento di detta equipollenza, così come riconosciuta nella sentenza c.d. Mascolo e richiamata dalla citata sentenza del Consiglio di Stato, l’inserimento nella graduatoria di prima fascia.

Coloro che sono interessati ad aderire al ricorso possono inviare i seguenti documenti all’indirizzo           e-mail: graduatoria2020@giulianoedigravio.it, entro e non oltre il 27 luglio 2020:

  • procura alle liti;
  • Scheda cliente con allegata copia del documento di identità;
  • Documentazione scolastica utile ad attestare il servizio svolto per un periodo non inferiore a quello stabilito dalla recente sentenza del Consiglio di Stato;
  • Ricevuta di bonifico.

La predetta documentazione, spedita a mezzo e-mail, verrà considerata ricevuta solo a seguito di         e-mail di conferma da parte dello Studio. In mancanza sarà cura del docente contattare lo Studio per perfezionare il procedimento di spedizione.

L’originale della procura alle liti dovrà poi essere consegnata allo Studio, previo appuntamento, in una delle sedi più vicine al docente ricorrente.

Per qualsiasi informazione e per richiedere un appuntamento potete chiamare il numero 068414562.

               Il costo complessivo del giudizio (e della fase di studio preliminare) è pari ad € 150,00 comprensivo di oneri di legge, contributo unificato e marche da bollo, che potrà essere versato a mezzo bonifico bancario iban: IT32G0832740440000000002661, causale: “nome cognome ricorso graduatoria 2020” o in contanti in occasione della consegna della sopra elencata documentazione.

Il Cliente dichiara di essere stato informato dall’Avvocato della difficoltà e complessità del giudizio e della possibilità di accoglimento e/o rigetto del ricorso nonché della possibilità di essere condannato al pagamento delle spese legali della controparte in caso di esito negativo, o parzialmente negativo, del giudizio.

Distinti saluti                                                                                                                                           Massimo Giuliano

 

Scarica la lettera

Scarica la sentenza del Consiglio di Stato n. 4167 del 30.06.2020

Scarica la procura

Scarica la scheda cliente