Ristrutturazione aziendale

I continui e profondi cambiamenti di mercato in cui si sviluppa l’attività imprenditoriale oggi, determinano talvolta notevoli differenze tra le aspettative di business ed i risultati raggiunti.

La capacità di previsione e di reazione ai fattori di dinamismo assume pertanto importanza vitale per mantenere o creare in periodi di crisi il vantaggio competitivo a condizioni di rischio accettabili.

La Ristrutturazione aziendale diventa in questo contesto un processo continuo che “vive” all’interno di imprese sane: “.restructuring should not be an one time event, but an on-going process” – Milton Rock -.

Lo studio Giuliano e Di Gravio interviene in tutte le fasi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale che comportino un’analisi giuridico – economica della crisi dell’impresa, al fine di adottare importanti scelte gestionali orientate, soprattutto, al risanamento aziendale e alla ristrutturazione del debito:

Operazioni di ristrutturazione aziendale di imprese in situazione di crisi (operazioni di risanamento).
Operazioni di risposta a problematiche/segnali di malfunzionamento (pre-crisi).
Operazioni di riorganizzazione aziendale a fini strategici
In questo contesto, con un orizzonte temporale medio lungo, diventa indispensabile e prioritario perseguire obiettivi che accrescano e massimizzino il valore aziendale attraverso un costante monitoraggio sia del mercato che della gestione interna sia attraverso politice che anticipino la ristrutturazione aziendale.

Scarica le News:

Strumenti per la gestione della crisi d’impresa
Dal Piano Attestato al Concordato Preventivo, passando per l’Accordo di Ristrutturazione dei debiti.
Nel contesto economico attuale l’evento della crisi di impresa deve essere affrontato dall’imprenditore con tempestività e preparazione.
Molte imprese si trovano nella necessità di ridefinire e ristrutturare le loro []

La disciplina del sovraindebitamento
Il procedimento di liquidazione del patrimonio: una via di uscita dai debiti per le famiglie e le piccole imprese “non fallibili”.
I soggetti in perdurante squilibrio economico tra le obbligazioni assunte (pagamenti da effettuare) ed il patrimonio liquidabile, con impossibilità di far fronte ai propri impegni, possono accedere alle procedure di composizione delle crisi da []